INTRO

Il regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, come del corso di laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici prevede, in ottemperanza alla normativa nazionale (D.M. 270/2004), che le matricole che abbiano conseguito il diploma di scuola secondaria superiore con una votazione inferiore a 70/100 si sottopongano a una verifica preliminare della loro preparazione. Per quanto non sia selettiva, la relativa prova di ingresso è perciò obbligatoria e comporta, per chi non dovesse sottoporvisi, l'immediata acquisizione del debito formativo di cui sotto.

La prova consiste in un test a risposta multipla, basato su 40 quesiti da svolgere in un'ora. Per la maggior parte si tratta di dimostrare la propria capacità di comprensione del testo (vd. meglio sotto). Un certo numero di domande verifica tuttavia anche le conoscenze di lingua italiana, di cultura generale, di storia contemporanea, insieme alla capacità logica della matricola. La prova si intende superata con un numero di risposte corrette uguale o superiore a 26.

L'esito negativo (o la mancata partecipazione alla prova) determina l'acquisizione di un debito formativo che impedisce, fino al suo recupero, di partecipare alle sessioni di esame, che si aprono verso la metà di Dicembre, al termine delle lezioni del primo semestre.

Per recuperare il debito, lo studente è tenuto a seguire un corso di tutorato, organizzato in forma di incontri di gruppo, con taglio essenzialmente pratico, basato su una serie di brani proposti e analizzati in ciascun incontro dal tutore. Il corso introduce alle abilità fondamentali per l'analisi e la comprensione specifica di un testo, e invita i partecipanti a prendere consapevolezza dell'importanza del sapersi formare un quadro di riferimento storico-culturale generale, entro cui si collocano e acquisiscono significato le varie informazioni del discorso da apprendere. Gli studenti saranno affiancati da tutori di particolare competenza in grado di accompagnare i processi di apprendimento e di indirizzare coloro che risultino dotati di basi culturali lacunose verso i testi e i metodi di studio maggiormente atti a colmare tali lacune.

La fattiva partecipazione al corso garantisce il saldo del debito formativo, e la conseguente possibilità di partecipare alle prove d'esame, come di iscriversi al secondo anno del corso di laurea.


PROVA IL TEST

La prova d'ingresso prevede la soluzione di quaranta domande a risposta multipla. Ai partecipanti vengono proposti alcuni brani, tratti da manuali, libri divulgativi o anche da articoli di quotidiani o periodici. I quesiti relativi sono per la maggior parte di comprensione del testo, accompagnati peraltro da alcune verifiche di cultura generale, logica, lingua italiana e storia contemporanea; in linea di massima, anche i quesiti del secondo gruppo sono sollecitati dai brani iniziali proposti.

La struttura della prova e la tipologia delle domande sono analoghe ai test accessibili alle pagine:

TEST 2010.

Lo studente può prenderne visione ed esercitarsi scaricando i relativi pdf.

Ulteriori esercitazioni possono essere condotte sulle principali raccolte di test in commercio, limitatamente alle parti relative a quesiti di comprensione testuale e ragionamento verbale. Tra i numerosi eserciziari in commercio si segnalano, a mero titolo di esempio:

  1. Quiz di logica e test psicoattitudinali, ed. Maggioli, 2012, spec. pp. 139-156 (cap. Grammatica); pp. 157-172 (Comprensione verbale); pp. 217-250 (Ragionamento critico verbale);
  2. Test psicoattitudinali, ed. Simone, 2012, spec. pp. 290-325 (Ragionamento critico-verbale; Ragionamento verbale; comprensione verbale);
  3. Le chiavi di tutti i test psicoattitudinali, ed. Simone, 2009, spec. pp. 173-182 (Sinonimi); pp. 183-194 (Contrari); pp. 245-270 (Comprensione di brani);
  4. Nuovi test logico-attitudinali, ed. Simone, 2012, spec. pp. 7-74 (Abilità linguistico-verbali):
  5. I test per la prova attitudinale, ed. Simone, 2011, spec. pp. 103-142 (Comprensione verbale); pp. 447-518 (Ragionamento critico-verbale);
  6. Eserciziario per i test psicoattitudinali, ed. Alpha Test, 2012, spec. pp. 3-46 (Logica verbale).

QUANDO & DOVE

La prova d'ingresso avrà luogo giovedì 5 ottobre 2017 alle ore 11:00 in Aula I presso il Palazzo Centrale dell'Università, in Corso Strada Nuova 65. Il corso di tutorato destinato agli studenti risultati inidonei si articolerà in incontri settimanali di 4/5 ore ciascuno, concentrati nel mese di ottobre 2017, con verifiche in itinere dei progressi acquisiti.

Per gli studenti che si immatricoleranno dopo il 5 ottobre 2017, la prova avrà luogo lunedì 8 gennaio 2018 alle ore 9:30 in aula II presso il Palazzo Centrale dell'Università, in Corso Strada Nuova 65. Per chi risulterà inidoneo, il corso di tutorato si svolgerà, con le modalità descritte, nel mese di gennaio 2018.

I candidati dovranno presentarsi muniti di un documento di riconoscimento personale in corso di validità.

Non sono tenuti a sostenere il test gli studenti con una carriera universitaria pregressa, anche in caso di rinuncia agli studi sostenuti presso l’Università di Pavia o presso altri Atenei.